Jugoslavia

Jugoslavia, unione statale degli slavi meridionali formatasi nel XX. sec. Il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni (la cosiddetta Prima Jugoslavia) sorse il 1.XII.1918. con l'unione della maggior parte dei paesi slavi meridionali dell'ex Impero austro-ungarico (Consiglio Nazionale degli Sloveni, Croati e Serbi) con la Serbia e il Montenegro in un nuovo paese e con la dinastia serba dei Karađorđević a capo.

Il 3.X.1929 lo stato cambiò il suo nome in Regno di Jugoslavia. Anche se il Consiglio nazionale a ottobre 1918 la considerava parte dello Stato degli Sloveni, Croati e Serbi, l'Istria non entrò a far parte della Prima Jugoslavia a causa dell'occupazione e l'annessione italiana (Trattato di Rapallo). A causa delle ripercussioni delle autorità italiane, decine di migliaia d'istriani croati emigrarono nel Regno di Jugoslavia fra le due guerre mondiali, alcuni legalmente, altri illegalmente. Si distribuirono in tutto il paese, ma la maggior parte di loro si fermò a Zagabria (Unione d'immigrati jugoslavi dalla Venezia Giulia). Il Regno di Jugoslavia venne occupato nel mese di aprile del 1949 dalle forze del Terzo Reich e dagli Stati alleati, e cessò di esistere. Il suo territorio è andato a far parte dei paesi circostanti nonché allo Stato Indipendente di Croazia e Serbia. La cosiddetta Seconda Jugoslavia venne proclamata il 29.XI.1943 (Consiglio Antifascista di Liberazione Nazionale della Jugoslavia), quando furono approvate le decisioni di Pisino e le decisioni del Consiglio antifascista di Stato per la liberazione popolare della Croazia riguardo l'annessione dell'Istria. Alla fine della guerra il paese era denominato Jugoslavia democratica federale, il 29.XI.1945. cambiò nome in Repubblica Federale Nazionale di Jugoslavia, mentre dal 7.IV.1963. fu conosciuto come Repubblica socialista federativa di Jugoslavia. Il presidente era J. Broz - Tito.Alla fine della II. Guerra mondiale (Movimento di Liberazione Nazionale) l'esercito jugoslavo liberò l'Istria e la costa slovena, il che fu seguito dalla lotta diplomatica per i nuovi confini nazionali. Il 26.VIII.1945 la rappresentanza nazionale provvisoria della Jugoslavia democratica federativa votò una risoluzione nella quale si richiedeva l'annessione della costa slovena, della Slavia friulana, di Trieste, Istria, Fiume, Zara e l'isola di Lagosta (Lastovo) e Pelagosa (Palagruža) alla Jugoslavia. I requisiti erano basati sul principio di nazionalità e sul diritto di autodeterminazione dei popoli. Tuttavia, il 19.IX.1945 il Consiglio dei ministri degli Esteri londinese emise la delibera che sanciva il confine tra l'Italia e la Jugoslavia. La commissione degli alleati per la delimitazione doveva rimanere in Istria dal 15-24.III.1946. Al loro arrivo il Comitato di Liberazione Nazionale per l'Istria le consegna un memorandum nel quale è descritta la storia dell'Istria e dei croati istriani e con la quale dimostrano la "croaticità" della regione (Cadastre National de l'Istrie).Con il trattato di pace con l'Italia del 1947 (Trattati di pace di Parigi) l'Istria venne divisa: la costa nord-occidentale da Cittanova verso nord fu ceduta al Territorio Libero di Trieste, e il resto dell'Istria andò alla Jugoslavia. In seguito alla firma del Memorandum di Londra e l'abolizione del Territorio Libero di Trieste il 7.X.1954 fu effettuata, in base alla decisione del Consiglio esecutivo federale della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, la determinazione dei singoli distretti istriani tra la Repubblica popolare di Slovenia e la Repubblica popolare croata (la Croazia ha ceduto una piccola parte della zona di Buie nel 1955). Il problema dei territori di confine e delle relazioni tra l'Italia e la Jugoslavia sono stati risolti solo con i Trattati di Osimo. Con la disintegrazione della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia nel 1991 sorse un malinteso tra la Slovenia e la Croazia attorno ad alcune zone di confine lungo il fiume Dragogna. Il Vallone di Pirano è diventato particolarmente controverso, cioè le modalità di determinazione dei confini marittimi nell'ambito dello stesso. L'Istria all'interno della Jugoslavia ebbe una vera crescita economica ed era vista come una regione sviluppata e ricca. L'industria cantieristica e il turismo conobbero uno slancio, ma l'agricoltura rimase trascurata (viticoltura e olivicoltura).

 

D. Dukovski, R.