Bembo

Bembo, la famiglia nobile veneziana che in Istria possedeva il castello Valle. I membri della famiglia compaiono a Valle nel XVII sec. come podestà, e in seguito come possidenti. Vivevano a Venezia, e solo dal 1750 si sono stabiliti in modo permanente a Valle.

Fuori dall'Istria erano attivi Pietro (1470 - 1547), umanista, scrittore, segretario del papa Leone X e cardinale, autore della storia di Venezia 1487 - 1513, Della istoria veneziana (1551), e Giovanni (seconda metà del XVI sec. - prima metà del XVII sec.), comandante della marina veneziana in Adriatico, il quale ha nel 1597  e nel 1598 attuato il blocco dei porti e delle aree nei quali erano attivi gli Uscocchi, e in seguito è stato eletto doge. Davide (XVI sec.), capitano di Raspo Bembo, Davide. Pietro (XVI sec.), vescovo di Veglia 1564-89. Lorenzo (XVII - XVIII sec.), podestà di Valle. Federico (Fedrigo; XVII sec.), podestà di Albona. Vincenzo (XVII sec.), podestà di Capodistria e capitano. Francesco (XVIII sec.) e Pietro (XVIII sec.), rettori di Venezia. Giorgio (Zorzi; XVIII sec.), capitano di Capodistria e podestà (1738-39), il quale ha partecipato alla soluzione delle questioni relative ai terreni confinanti con l'Austria. Nel rapporto che ha mandato a Venezia, dopo aver concluso il servizio, ha semplificato le cause delle crisi in Istria nei tempi più recenti. L'avvento del brigantaggio ha collegato con la "negligenza" e la "pigrizia" degli abitanti che "difficilmente sopportano gli sforzi" cosicché preferiscono assicurarsi i mezzi per vivere con le armi che lavorando la terra. Molti nobili della famiglia Bembo hanno vissuto a Pola.

 

BIBLIOGRAFIA: Carlo De Franceschi, Il ramo istriano della famiglia Bembo, AMSI, 1961, 9; G. Radossi, Monumenta Heraldica Iustinopolitana. Stemmi di rettori, di famiglie notabili, di vescovi e della città di Capodistria, Rovigno–Trieste 2003.

S. Bertoša