Piccolo, Il

Piccolo, Il, il quotidiano triestino in lingua italiana. Lo ha fondato l'ebreo triestino di discendenza ungherese Teodoro Mayer. Il primo numero è uscito il 29 dicembre 1881 in 32 esemplari, e nel 1915 la tiratura giornaliera era di 100000 esemplari.

La sede è stata distrutta dal rogo il 23 maggio 1915, cosicché il giornale non usciva fino al 20 novembre 1919, quando Mayer nomina Rino Alessi redattore del giornale (amico personale di B. Mussolini), che dirigeva il giornale fino al 1943.  Durante la sua redazione il quotidiano era completamente fedele al regime fascista. Si opponeva solo all'emanazione delle leggi razziali nel 1938, quando Mayer doveva lasciare la proprietà ad Alessi. Non usciva dal 30 aprile 1945 al 5 marzo 1947, e dopo, per motivi di collaborazionismo, doveva essere pubblicato come Il Giornale di Trieste fino al 24 ottobre 1954. Due giorni dopo alla guida del giornale rinnovato viene Chino (Gioacchino) Alessi, il figlio di Rino, il quale dirigeva il giornale fino al 1977. Già nel 1973 una parte della proprietà passa al gruppo Agnelli-Fiat, e dal 1976 tra i proprietari figura anche l'editore Rizzoli, il quale dall'anno a venire compra da Alessi la parte restante. La redazione è passata a Ferruccio Borio (1977 - 1980) e Luciano Ceschia (1980 - 1983), e in quel periodo il quotidiano  passa dalla destra politica al centro. Nel 1982 passa in proprietà del gruppo Monti, il quale, nei prossimi otto anni, lo volge nuovamente al conservatorismo, e alla funzione di redattore si susseguono Alberto Marcolin, Marco Leonelli, Paolo Francia e Riccardo Berti. Nel 1990 passa di proprietà al gruppo Melzi (redattore capo Mario Quaia). La redazione a Capodistria è stata aperta nel 1992, quando incomincia l'Edizione dell'Istria, Litorale e Quarnero con una pagina speciale dedicata al territorio citato. Dal 1992 in Istria e in Slovenia viene distribuito con il quotidiano La Voce del Popolo. Dal 1999 è di proprietà del gruppo Caracciolo-L'Espresso (redattore capo Alberto Statera). Per il quotidiano hanno scritto anche S. Benco, G. Miglia e Paolo Rumiz. Il quotidiano che oggi ha la tiratura di 4000 - 50000 di formato grande, offre le notizie internazionali e locali, le notizie dal mondo della politica, della cultura, dell'economia, dello sport e le lettere dei lettori. È diffuso soprattutto sul territorio triestino.

R. Škrlj