Traffico stradale

Traffico stradale, attività economica di trasporto merci e passeggeri. In Istria, i primi reperti e disegni di mezzi di trasporto sono stati trovati nella situla di Visace nel V sec. a.c. I Romani con la costruzione di strade e mezzi di trasporto hanno dato un assai significante contributo allo sviluppo dei trasporti. Il primo trasporto pubblico fu eseguito nel I sec dalle poste Cursus publicus lungo la via Flavia. Il trasporto comprende anche il carico di persone su animali (cavalli, asini ecc.), che era abbastanza sviluppato in Istria, specialmente nelle zone dove non c\'erano strade assestate (Savrini, Cici). Si usava prevalentemente il trasporto con il carro trainato da bovini (buoi e vacche) cavalli, muli e asini; con il passare del tempoo il bue istriano (boscarin) e l\'asino divennero simbolo di forza, tenacia e pazienza. Il loro ruolo trasporto è diminuito con l\'arrivo dlla ferrovia, mentre le automobili,i camion, i trattori e gli abutobus, li hanno rimpiazzati del tutto.

Per un buon trasporto c\'è bisogno di traino → veicoli e→ strade. In Istria lo sviluppo stradale è incominciato appena nella seconda metà dello XIX secolo. Come primo mezzo di trasporto pubblico si confermò la posta. Il trasporto ha incominciato con le carrozze postali, che sono state sostituite poi dalle corriere e dai camion. Un gran contributo al trasporto è stato dato dai fabbri, carpentieri e carrozzai. Prendevano il ferro dall\'Arsenale e dalle ferrovie e costruivano carri di gran qualità. Nello XIX secolo molti uomini si occupavano professionalmente di trasporto; lungo le strade c\'erano molte osterie,officine e botteghe che ai passeggeri e ai trasportatori offrivano svariati servizi. Il trasporto di passeggeri e di merci, nel significato odierno della parola incominciò a svilupparsi agli inizi del XX., secolo, ma la crescita maggiore si ebbe dopo la Secoanda guerra mondiale. Durante il periodo Austro-Ungarico incominciò il trasporto con le corriere, che era eseguito dalla posta. Secondo i dati a disposizione, il percorso Fianona - Chersano, Albona-Chersano-Pedena- Pisino veniva fatto dalle corriere già nel 1907, le quali trasportavano passeggeri e posta. In seguito fu introdotta la tratta tra Pisino e Parenzo. Con le corriere postali si poteva viaggiare da Abbazia a Trieste e in altre cittadine istriane. Durante l\'amministrazione italiana, nascono nuove ditte di autobus, ma anche ditte per il trasporto delle merci. La direzione di queste ditte aveva sede a Trieste (S.E.A.V.G. Trieste, Istituto nazionale trasporto Trieste e altri) o in Istria  (Consortio Intercomunale Servizi Automobilistici Fiume-Abbazia, Sonni Mario-Cittanova, Ditta Corazza & Vida Montona, Gattoni Pola e altri.) Con le kavarici dell\'Arsia si svolse il primo massiccio trasporto di passeggeri nel periodo che va dal 1935 al 1945; anche nel dopo guerra si chiamavano così le corriere che trasportavano i minatori nelle miniere istriane. Finita la Seconda guerra mondiale, furono fondate ditte statali per il trasporto delle merci Intereuropa di Capodistria, Istratrans Albona Istra-auto, Brioni Pula e altre ditte. Del trasporto dei passeggeri si occupavano: Autotrans s.r.l. di Fiume, Slavnik Koper, Istratrans Labin, Brioni S.p.A. Pula. Il trasporto pubblico cittadino a Pola svolgeva la ditta polese, Pulapromet S.p.A. Nel 1990 sorsero numerose ditte di trasporto, così nel 2003 nella Regione Istria c\'erano incirca 235 autotrasportatori  con 580 veicoli. La ditta di trasporto più grande nella Regione è l\'Intereuropa Koper S.p.A. i cui mezzi di trasporto nel 2002 hanno 22 000 kilometri e hanni trasportato 240.000 tonnellate di merci, di cui il 92% per l\'esportazione. L\'Intereuropa Trasport possedeva 187 veicoli con una portata di carico pari a 4400 tonellate. Sono presenti anche numerose ditte che si occupano del trasporto di merci dal porto e verso il porto di Capodistria.

J. Orbanić

  

  

  

Komentari

    Trenutno nema objavljenih komentara.

Ostavi komentar

* Slanjem komentara prihvaćate Pravila obrade Vaših osobnih podataka (e-mail i IP adresa). cancel reply


Slučajna natuknica

Putni običaji