Babudri, Francesco

Babudri, Francesco, storico e scrittore (Trieste, 26 novembre 1879 - Bari, 27 agosto 1963). Dall'infanzia viveva a Parenzo, dove era segretario della Società Istriana di Archeologia e Storia Patria (1908-1919). Dal 1924 al 1931 lavorava nel Civico Museo di Storia ed Arte a Trieste, per trasferirsi poi a Bari.

Scriveva sulla storia antica della chiesa e sulla storia dell'arte, ma anche su altri temi storici istriani, specialmente sul territorio parentino e quello triestino. Collaborava con le riviste Atti e Memorie della Società Istriana di Archeologia e Storia Patria (presentazioni I vescovi di Parenzo e la loro cronologia, 1909, Le antiche chiese di Parenzo, 1912, La villa rustica di Sesto Appuleio Ermia presso S. Domenica di Visinada, 1920) e Archeografo Triestino (articoli Cronologia dei vescovi di Capodistria, 1910, Nuovi contributi su Cissa-Rubino, 1926). Scriveva anche dei saggi sul folklore istriano, soprattutto sulle canzoni popolari istriane dell'ambito romanzo Rime e ritmi del popolo istriano (Pagine Istriane, 1906-1908), Ancora rime e ritmi del popolo istriano (Trieste 1910) e altri generi della tradizione orale (Maldicenze paesane di Trieste e dell'Istria, Milano 1921). In gioventù scriveva poesie (Carmina, Parenzo 1900; Nova Carmina, Capodistria 1901) e racconti brevi. Dopo il trasferimento a Bari si è dedicato allo studio della storia dell'Italia meridionale. Ha scritto la propria bibliografia Bibliografia de´ miei scritti (settembre 1900-settembre 1931).

 

BIBLIOGRAFIA: M. Viterlo, Francesco Babudri (1879–1963), Archivio Storico Pugliese, 1963, 16.

R. Matijašić